Applausi a scena aperta per la Gioiella Micromilk G.d.C.. Al termine di una prestazione superlativa al cospetto della corazzata Tuscania, i ragazzi del mister Spinelli conquistano i tre punti in palio e si riprendono il quarto posto in classifica. Il concomitante passo falso di Spoleto a Bolzano (sconfitta per 3-0 dalla squadra dell’ex Stefano Giannotti), infatti, ha permesso il sorpasso biancorosso nell’accesa bagarre per un posto nella Pool A. Quando mancano due gare (la prossima, a Bracciano, contro il Club Italia e l’ultima, a Gioia, contro il Lagonegro) dal termine della prima fase, capitan Cetrullo e compagni sono padroni del loro destino.

La cronaca del match – Lo speaker biancorosso lancia i sestetti di partenza. Mister Spinelli manda in campo la diagonale palleggiatore-opposto targata Marchiani-Cetrullo, gli schiacciatori Joventino e Grassano, i centrali Erati e Scopelliti e, per concludere, il libero Casulli. Alla luce dell’assenza di Pedron, coach Montagnani risponde con Crò in cabina di regia, Mochalski opposto, Cernic e Shavrak in posto 4, Piscopo e Festi al centro ed, infine, con Bonami a difesa del pacchetto arretrato.
Pronti via, dopo un’iniziale fase di studio del match, Tuscania aumenta i giri del proprio motore e, lavorando bene a muro con Cernic e in battuta con Mochalski, piazza il primo break della contesa (8-12). La grande incisività del servizio biancoblu manda in tilt l’intera organizzazione di gioco biancorossa (11-17), il tecnico Spinelli corre ai ripari e opta per un doppio cambio (in campo Link e Bernardi al posto di Cetrullo e Marchiani). La truppa gioiese, però, non riesce a contrastare l’incedere impetuoso dei laziali che, grazie ad un block out di Mochalski su Grassano, si aggiudicano il primo set (19-25).
Al ritorno in campo, gli ospiti restano al comando delle operazioni di gioco (5-9). La reazione della Gioiella Micromilk non tarda ad arrivare ed è davvero veemente. Gli uomini del coach Spinelli, guidati da Joventino e Cetrullo, ribaltano la situazione e si portano sul momentaneo 16-11. Il PalaCapurso è una bolgia e, sulle ali dell’entusiasmo, il Real si invola alla conquista del secondo game (23-16, grande difesa di Casulli trasformata in oro da un eccellente Joventino). L’ultimo sigillo lo realizza il numero 4 biancorosso con un pregevole mani out da posto 4 (25-17). Si ristabilisce la parità all’impianto sportivo di via Einaudi (1-1).
La furia gioiese non si placa nel terzo game. Un muro devastante di Erati su Shavrak e una palla piazzata di Grassano segnano la supremazia Real (7-3). A seguire, la Gioiella Micromilk gestisce il suo break di vantaggio e, trascinata da capitan Cetrullo (15-13), respinge i tentativi di rimonta avversari. Il muro di Marchiani ad una mano su Mochalski vale il prezzo del biglietto (20-16), il Real è bellissimo da vedere e si avvicina a passi da gigante alla vittoria del terzo parziale (22-17, diagonale potente di Cetrullo). Ci pensa l solito Joventino a firmare il sorpasso (25-19). Che gran Real sul taraflex del PalaCapurso questa sera.
La battaglia è intensa ed avvincente anche nella quarta frazione di gioco (10-10, bolide in primo tempo di Scopelliti). La Gioiella Micromilk decide che è tempo di rompere gli indugi, Cetrullo sfodera dal cilindro una frustata micidiale da posto 2 e Mochalski spedisce la palla fuori nell’azione successiva. Risultato: il Real è avanti 15-12. Con grande cuore e caparbietà, Marchiani e soci prima trovano l’allungo decisivo (20-15) e poi amministrano al meglio il vantaggio acquisito (22-16, muro di Erati su Piscopo). L’ennesima chiusura a muro di Erati (su Mochalski, 25-18), chiude la super sfida della ventesima giornata e riporta al quarto posto la squadra del presidente Nino Giordano.

Ufficio Stampa New Real Volley Gioia
Gianluca Falcone