Proprio sul più bello la Gioiella G.d.C. sciupa tutto. A capitan Kindgard e soci non è bastato il doppio vantaggio nel computo set per conquistare la qualificazione agli ottavi di finale dei Play Off Serie A2 Credem Banca. L’Aurispa Alessano riapre la serie (1-1), facendo sua gara 2 al tie-break.
Il crollo avuto dal terzo game in poi costa caro agli uomini del coach Passaro, costretti adesso a giocarsi il passaggio del turno domenica 14, fra le mura amiche del PalaCapurso. Sarà una partita decisiva, il Real non può più sbagliare.

SESTETTI DI PARTENZA – L’Aurispa scende in campo con Leoni in palleggio, Onwuelo opposto, Drobnic e Kaio Ribeiro in posto 4, Persoglia e Tomassetti al centro e, per concludere, con Bruno nel ruolo di libero.
La Gioiella risponde con Kindgard in cabina di regia, Prolingheuer in posto 2, Radziuk e Sideri di banda, Sighinolfi e Catena centrali e, infine, con Frigo al vertice del pacchetto arretrato.

LA CRONACA – Partenza sprint della truppa Real: il servizio di Sighinolfi mette in difficoltà la linea difensiva biancoblu e lascia via libera a Sideri per la realizzazione in pipe del momentaneo 4-9. Alla reazione salentina, guidata da Kaio Ribeiro (7-10), si oppone subito Radziuk, monumentale a muro su Drobnic (7-11). Il secondo tentativo di rimonta dei padroni di casa, però, va a buon fine e vale addirittura il sorpasso nella parte centrale del game (16-15, muro di Kaio Ribeiro su Prolingheuer). L’immediato time out richiesto dal coach Passaro rianima i biancorossi che, al rientro in campo, piazzano un’impressionante break di 7 punti (16-22, a segno Catena). La Gioiella si invola verso il successo nella prima frazione di gioco, il pallonetto di Sighinolfi chiude i conti (18-25).
Non cambia il copione del match alla ripresa delle ostilità: i due muri di Sighinolfi su Tomassetti e Kaio Ribeiro e la chiusura di Radziuk su Onwuelo ripropongono la supremazia della Gioiella sul rettangolo di gioco(3-8). Le manone di Prolingheuer sbarrano, ancora una volta, il passaggio alla truppa biancoblu che, dopo un’azione perfetta propiziata dalla difesa di Frigo e trasformata in oro da Radziuk, perde ulteriore terreno (9-17). Il collettivo gioiese continua la sua inarrestabile corsa (10-21), gli avversari sono costretti alla resa ed anche il secondo set finisce nelle mani della Gioiella grazie al muro realizzato da Catena su Serafino (13-25).
Al ritorno in campo, l’Aurispa prova ad impensierire i gioiesi (9-6) e ci riesce sino al 13-10, momento in cui va in scena il ritorno di fiamma del Real (13-12, straripante Prolingheuer). Si riaprono i giochi al Palasport di Tricase, l’ace di Sighinolfi ristabilisce la parità (15-15). A seguire l’equilibrio regna sovrano, al block out di Onwuelo (22-20) replica il duo Prolingheuer-Catena (22-22). Ma, alla fine, la festa è tutta biancoblu: decisivo il primo tempo vincente di Tomassetti (25-23).
Nella quarta frazione di gioco, galvanizzati dal game vinto, Persoglia e soci si portano sul 5-0. La Gioiella è brava a non disunirsi, torna a macinare punti con Radziuk e Prolingheuer (10-7) e si rifà minacciosa dopo l’errore in attacco di Kaio Ribeiro (11-10). Una serie di sbavature successive nella metà campo biancorossa costringono coach Passaro al time-out, Alessano è nuovamente avanti (15-10). Il cambio di rotta biancorosso non si verifica, i padroni di casa si mostrano cinici ed incrementano il loro vantaggio (20-12, muro di Tomassetti su Usai). Come in gara 1, si va al quinto set: la fiondata out di Meringolo (25-17) vale il 2-2.
Grande equilibrio nell’ultimo atto del confronto: Bruno prende di tutto in difesa ma Radziuk non perdona nulla in fase offensiva (7-8). A seguire, Onwuelo sale in cattedra e sfodera dal cilindro l’allungo biancoblu (12-9). La replica del duo Sideri- Radziuk illude solamente la Gioiella (13-12), Onwuelo e Lucarelli chiudono la pratica gara 2 (15-12) e rinviano qualsiasi discorso qualificazione a domenica prossima.

Ufficio Stampa New Real Volley Gioia – Gianluca Falcone

Foto di Marco Melcarne